Traffic Live

giovedì 5 maggio 2016

C'è vita dopo la morte, secondo i medici universitari di Berlino



Un team di psicologi e medici associati alla Technische Universität Berlin di Berlino, hanno annunciato pochi giorni fa, che avevano dimostrato dalla sperimentazione clinica, l'esistenza di una qualche forma di vita dopo la morte.

Questo annuncio sorprendente, si basa sulle conclusioni di uno studio in cui è stata utilizzato un nuovo tipo di droga, che sotto la super visione medica, permettono ai pazienti di essere clinicamente morti per quasi 20 minuti prima di essere riportati in vita. Quindi in questa fase i pazienti sperimentano "un'esperienza pre-morte."

Questo processo controverso, che è stato ripetuto su 944 volontari negli ultimi quattro anni, necessita di una miscela complessa di sostanze stupefacenti tra cui l'Adrenalina Dimethyltryptamine, che permettono al corpo di sopravvivere allo stato di morte clinica e il conseguente processo di rianimazione senza danni.

Il corpo del soggetto è stato poi messo in uno stato di coma temporaneo, indotto da una miscela di altri farmaci che dovevano essere filtrati, sia dall'ozono, sia dal suo sangue durante il processo di rianimazione 18 minuti più tardi.

La lunghissima durante dell'esperienza è stata solo recentemente resa possibile, grazie allo sviluppo di una nuova macchina di rianimazione cardiopolmonare chiamata AutoPulse. Questo tipo di apparecchiatura è già stata utilizzata nel corso degli ultimi anni per rianimare la gente che era morta da qualche parte, nell'arco di tempo di 40 minuti e un'ora.

Il team di scienziati guidati dal Dottor Berthold Ackemman, hanno monitorato le operazioni e hanno documentato le testimonianze dei soggetti che hanno subito l'esperienza pre-morte. Sebbene vi siano delle lievi variazioni da un'individuo all'altro., tutti i soggetti hanno alcuni ricordi del loro periodo di morte clinica.

Si, c'è vita dopo la morte e sembra che questo vale per tutti.

Nessun commento:

Posta un commento