Traffic Live

martedì 12 luglio 2016

Chilcot Report


di Irina Slav 7 luglio 2016

Il rapporto a lungo atteso di John Chilcot, un alto funzionario britannico, sulla guerra in Iraq e gli eventi che hanno portato ad esso ha rivelato che il business del Regno Unito (UK) aveva un solido interesse nel conflitto.

I documenti rivelati come parte del grande rapporto, 12 volumi, mostrano che i funzionari governativi britannici coinvolti negli eventi che portarono alla guerra, la guerra stessa e il successivo periodo di restauro perseguito come obbiettivo principale degli interessi dei giganti del petrolio, BP e Shell. Questo non è stato, tuttavia, menzionato nel riassunto di 150 pagine del impressionante rapporto, che comprende 2,6 milioni di parole in tutto.

Incontri segreti tra funzionari del governo, BP e Shell per discutere di come sarebbero andati avanti una volta che Saddam sarebbe stato rovesciato è ciò che si rileva nel documento.

In altre parole, ciò che il rapporto di Chilcot ha rivelato, anche se con riluttanza e apparentemente senza volerlo, è che l'energia, e non le armi di distruzione di massa, è stato il principale motivo dell'invasione dell'Iraq e del sanguinoso conflitto che ne seguì.

BP gestisce l'enorme giacimento di Rumalia in Iraq mentre Shell gestisce il campo di Majnoon altrettanto gigante.

Oilprice

Nessun commento:

Posta un commento